Patate Selenella Facebook
5 disturbi che puoi alleviare con le patate - Il Blog di Selenella

5 disturbi che puoi alleviare con le patate

Che le patate siano buone e nutrienti è indubbio, ma sapete che questi tuberi hanno anche molti benefici e sono un rimedio naturale per alcuni disturbi? Ecco cinque disturbi che possono essere alleviati proprio grazie alle patate.

Mal di stomaco

Le patate sono un rimedio della nonna contro il mal di stomaco e in generale per combattere i problemi digestivi. Questo perché le patate sono ricche di amido, dalle proprietà emollienti, e rappresentano un alimento facile da digerire per il nostro corpo, anche se molto nutriente.

Quando si soffre di nausea o acidità gastrica data da reflusso gastroesofageo può dunque essere una buona idea mangiare le patate, purché queste vengano cucinate in modo leggero. Vanno benissimo ad esempio le patate lesse, cotte in acqua bollente, a vapore o in microonde, così come il purè di patate preparato con pochi condimenti grassi.

Per preparare il purè di patate, le patate ideali sono quelle a polpa bianca, con buccia gialla, rossa o viola: questa varietà di patate risulta infatti cremosa per via dell’elevato contenuto di amido, dunque più adatta ad essere schiacciata per ottenere purea. Se invece si vogliono gustare le patate tagliate a fette, a spicchi o a dadini, condite con un filo di olio e sale, meglio scegliere patate a pasta gialla, più sode.

Stipsi e diarrea

Oltre che per lo stomaco, le patate sono un toccasana anche per l’intestino e aiutano ad alleviare sia stipsi e stitichezza sia diarrea. Le persone che faticano ad andare di corpo, possono trovare sollievo grazie a un’alimentazione che includa patate e altri vegetali; le patate e le verdure sono infatti ricche di fibra in grado di migliorare il transito intestinale e favorire lo svuotamento regolare dell’intestino.

La fibra fa sì che il contenuto intestinale aumenti e questo stimola i movimenti dell’intestino, cioè la peristalsi, favorendo l’evacuazione. Inoltre, poiché la fibra alimentare non digerita rappresenta un nutrimento per i batteri intestinali, una dieta ricca di cibi che contengono fibra migliora il microbiota intestinale. Le conseguenze di una flora batterica intestinale sana ed equilibrata apportano benefici non solo all’intestino ma anche all’umore e al sistema immunitario, dunque è sempre un’ottima idea consumare regolarmente ortaggi come le patate.

Le patate sono utili anche in caso di diarrea perché hanno azione emolliente e perché contribuiscono a reintregrare i sali minerali persi quando si soffre di questo disturbo. Inoltre, la diarrea può essere conseguenza di un’infezione o di un’intossicazione alimentare: in entrambe le situazioni, consumare patate può aiutare a ristabilire l’equilibrio, sempre grazie alla ricchezza di fibre di questi tuberi.

Come nel caso del mal di stomaco, anche se si soffre di diarrea meglio mangiare le patate cotte con metodi sani, come patate lesse o purè di patate. Se si ha poco tempo, anziché cuocere le patate in acqua bollente si può ricorrere alla cottura a vapore o al microonde.

LEGGI ANCHE: Patate: un toccasana per disturbi di stomaco e intestino

 

Irritazioni della pelle

Le patate un ottimo rimedio lenitivo ed emolliente per tutte le pelli irritate e infiammate. Può infatti succedere che la pelle appaia eccessivamente secca o, al contrario, unta a causa di agenti esterni come raggi solari, freddo o vento o magari per via dell’uso di cosmetici poco adatti al proprio tipo di pelle. Altri sintomi di una pelle irritata o infiammata possono essere prurito, arrossamento, gonfiori localizzati o dolore, manifestazioni si possono presentare in caso di dermatiti, eczema, scottature solari, geloni.

Per tutti questi problemi si può ricorrere a impacchi con fette di patate, patate crude grattugiate, patate frullate o succo di patate, preparato a partire dalle patate crude. Oltre ad essere efficaci, le patate rappresentano un rimedio molto economico e a portata di mano, perché chiunque ha sempre delle patate in dispensa, dunque può farvi ricorso anche in casi di emergenza. L’impacco si lascia in posa sulla zona da trattare per circa dieci-venti minuti risciacquando poi il tutto con acqua tiepida. Il trattamento può essere ripetuto anche diverse volte al giorno per migliorare i sintomi della pelle irritata.

LEGGI ANCHE: Cosa fare con l’acqua di cottura delle patate? Tutte le idee per riciclarla

Capelli bianchi

Il succo delle patate e l’acqua di cottura delle patate o anche solo della buccia delle patate è un rimedio popolare per coprire i capelli bianchi nelle persone con capelli neri o castani. Non solo: le applicazioni di preparazioni a base di patate su cuoio e capelluto e capelli può anche contribuire a prevenire la caduta dei capelli e trattare irritazioni, forfora, capelli grassi e rinforzare i capelli fragili.

Per usare le patate per la salute e la bellezza dei capelli è sufficiente effettuare impacchi con l’acqua di cottura delle patate o della loro buccia, ovviamente non salata e lasciata raffreddare. In alternativa si possono preparare maschere per capelli con patate frullate o impacchi con il succo di patata.

Il succo di patate si ottiene frullando le patate crude oppure grazie all’uso di estrattori e centrifughe, piccoli elettrodomestici in grado di separare la polpa delle patate dal loro succo.
Generalmente gli impacchi si lasciano in posa su cuoio capelluto e capelli per venti-trenta minuti, per poi risciacquare con acqua tiepida e shampoo. I trattamenti possono essere ripetuti più volte a settimana sia per migliorare l’aspetto dei capelli sia in caso di irritazioni o per coprire gradualmente i capelli bianchi.

LEGGI ANCHE: Succo e buccia di patate: come usarli per capelli forti e sani

Cellulite

Ritenzione idrica e cellulite sono un inestetismo che colpisce la maggior parte delle donne. Si tratta di un disturbo che può presentarsi su cosce e glutei ma anche in altre parti del corpo, come pancia e gambe, ben riconoscibile per via del classico aspetto della pelle a buccia d’arancia. L’alimentazione e lo stile di vita sono fondamentali per combattere ritenzione idrica e cellulite. Per quanto riguarda la dieta, tutti gli esperti concordano sul fatto che un’alimentazione povera di sodio possa contribuire a ridurre questo inestetismo: poiché le patate sono naturalmente povere di sodio, si tratta di un alimento perfetto per chi ha necessità di seguire una dieta iposodica.

Inoltre, sebbene la cellulite colpisca anche le persone magre, in caso di sovrappeso e obesità questo inestetismo può peggiorare notevolmente. Consumare patate può essere un valido aiuto per tutte le persone che hanno bisogno di perdere qualche chilo di troppo e migliorare anche ritenzione idrica e cellulite. Le patate infatti saziano molto ma forniscono poche calorie: una porzione di patate, che corrisponde a 200 grammi, contiene solo 140-150 calorie, quasi la metà rispetto a pasta, riso o altri cereali fonti di carboidrati. Mangiare patate cotte in modo sano e leggero può dunque contribuire a migliorare il senso di sazietà senza incidere pesantemente nel conteggio delle calorie.

LEGGI ANCHE: Cellulite: combattiamola con le patate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Icona patata cuoca

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi ogni mese la nostra Newsletter:
scopri nuove ricette, curiosità e consigli in cucina.

La richiesta di iscrizione è avvenuta con successo! Collegati alla tua email per confermare.