Patate farinose o a pasta soda? Come scegliere i diversi tipi di patate per le tue ricette - Il Blog di Selenella

Patate farinose o a pasta soda? Come scegliere i diversi tipi di patate per le tue ricette

Che siano lesse, al forno, fritte o rosolate in padella la regola delle patate è sempre la stessa: più ne fai, più te ne chiedono. È indubbio che le patate piacciono sempre, sono protagoniste dell’alimentazione sostenibile, semplicissime da cucinare, versatili, si conservano a lungo e tutti ne teniamo sempre una scorta in dispensa da tirare fuori in ogni occasione.

Scopri di più sull’alimentazione sostenibile.

Dopo aver parlato delle proprietà delle patate e dei loro valori nutrizionali, oggi ti parleremo della versatilità di alcuni tipi di patate – come le patate farinose – e di come è meglio utilizzarle, a seconda del piatto che desideri preparare o delle tue specifiche esigenze.

Scopri di più sul potassio nelle patate.

Le patate non sono tutte uguali

Alcune patate sono più farinose e si sfaldano, altre invece rimangono più compatte e consistenti. C’è però da dire che proprio per questa ragione le patate sono l’ingrediente perfetto per preparare ogni tipo di piatto e portata, dal primo al dolce!

Vediamo allora insieme quali varietà scegliere in base al piatto che desideriamo preparare e qualche utile consiglio per sfruttare al meglio le caratteristiche di ciascuna.

Patate farinose

Le patate più farinose sono solitamente le patate a pasta bianca, in cui è presente molto amido. Sono dette “farinose” perché la polpa di questa varietà di patate si sfalda molto facilmente durante la cottura e proprio per questo motivo sono perfette per preparare il purè di patate, gli sformati, gli gnocchi e le crocchette.

La loro consistenza è adatta anche per cucinare morbidi gâteau di patate e funghi.

Le patate a pasta farinosa possono diventare purea solo utilizzando una forchetta, non necessitano nemmeno dello schiacciapatate. In ogni caso, ti consigliamo di evitare di utilizzare il frullatore ad immersione: ne risulterebbe un composto colloso che comprometterebbe il risultato del tuo piatto.

Se la tua preoccupazione sono i grumi, non ti resta che armarti di un pochino di pazienza per schiacciare attentamente l’impasto e ottenere la consistenza che preferisci.

Sei in cerca di una nuova ricetta da realizzare con le patate a pasta bianca? Noi te ne consigliamo una facilissima da preparare ma estremamente gustosa: le patate duchessa, una ricetta di origine francese che richiede pochissimi minuti per essere preparata.

Non dovrai fare altro che lessare le patate, sbucciarle e schiacciarle con una forchetta. A questo punto aggiungi una noce di burro, un uovo, sale, pepe e mescola.

Forma quindi tante piccole palline di patate e inforna fino a quando non le vedrai diventare dorate: a questo punto saranno pronte per essere gustate come originale contorno o per un aperitivo con gli amici.

Patate a pasta gialla

Le patate a pasta gialla hanno una polpa poco farinosa e particolarmente compatta, e sono per questo capaci di assicurarti una frittura a regola d’arte, oltre ad essere le vere protagoniste di diverse preparazioni al forno, in umido o per una torta di patate dal sapore eccezionale.

Le patate fritte sono una sfiziosità che ogni tanto tutti amiamo concederci, ma è necessario scegliere la varietà migliore, quella capace di risultare croccante all’esterno ma morbida e appetitosa all’interno.

Sei curioso di conoscere la nostra ricetta per preparare delle chips da gustare come stuzzicante aperitivo? Eccoti accontentato: scegli le tue patate a pasta gialla preferite, privale della buccia e tagliale a fettine sottili. Friggile poi in padella facendo attenzione che entrambi i lati delle chips risultino dorati e condiscile con un pizzico di sale. A questo punto non ti rimarrà che servirle con la tua salsa preferita, ancora meglio se realizzata in casa.

Scopri di più su chips di patate e verdure.

Sapevi che le patate a pasta gialla sono ancora più saporite se vengono cotte con la loro stessa buccia? Per questo tipo di preparazione esistono numerose cotture, anche se la più semplice è senza ombra di dubbio la cottura al cartoccio.

La ricetta è anche in questo caso davvero facile e perfetta per una grigliata in compagnia degli amici. Per preparare le tue patate al cartoccio dovrai avvolgerle ancora bagnate (dopo averle lavate con cura) in un foglio di alluminio insieme ad uno spicchio d’aglio in camicia, rosmarino e sale in fiocchi. A questo punto sistema le patate sotto la brace rovente e falle cuocere per una ventina di minuti, apri poi il cartoccio e condiscile con un filo d’olio a crudo. Una volta portate in tavola, il figurone è assicurato!

Un’ultima curiosità: sapevi che le bucce di patate fritte sono irresistibili se mescolate nelle minestre di legumi con una spolverata di noce moscata o pepe nero?

Le patate novelle

Le patate novelle sono le più indicate per la cottura al forno o al vapore. Vengono raccolte prima che la patata abbia raggiunto la maturazione completa e per questo le loro dimensioni sono ridotte. Questa varietà di patate ha un sapore molto delicato e una buccia sottile, che ti consigliamo di non eliminare durante la cottura al forno.

Scopri la patata novella di Selenella.

Per preparare un piatto di patate al forno superlativo, scegli questo tipo di patate e condiscile con olio extravergine di oliva, erbe aromatiche e sale in fiocchi. Prima, però, scottale per qualche minuto in acqua bollente: questo è uno dei trucchi che permette di eliminare l’amido esterno e di cucinare quindi delle patate al forno croccanti fuori, ma morbide all’interno.

Piccole, con una polpa morbida e il sapore raffinato, le patate novelle sono ottime se cotte al vapore e si sposano bene con qualsiasi condimento: burro, burro salato, olio extravergine di oliva e salse.

Nel caso della cottura al vapore, la buccia delle patate può essere tranquillamente eliminata. Una volta cotte, noi ti consigliamo di condirle con sale e erba cipollina sminuzzata e di servirle ancora calde.

Scopri i segreti della cottura a vapore.

Le patate al vapore sono adatte anche alle tue insalate, insieme a pomodoro, mozzarella, olive, mais e tonno al naturale. Un piatto semplice, ma perfetto quando le temperature sfiorano i 30° C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi ogni mese la nostra Newsletter:
scopri nuove ricette, curiosità e consigli in cucina.

La richiesta di iscrizione è avvenuta con successo! Collegati alla tua email per confermare.