Patate alla lionese - Il Blog di Selenella

Patate alla lionese

Nel XVI secolo Caterina de’ Medici invitò alla corte di Parigi cuochi fiorentini chiedendo loro di preparare piatti con prodotti agricoli del territorio; questo rivoluzionò la cucina francese portando in voga tra la nobiltà le tante specialità regionali. Oggigiorno la cucina lionese non è altro che l’incrocio delle tante tradizioni culinarie delle singole regioni francesi.

Le patate alla lionese – espressione attestata intorno al 1806 nell’enciclopedia culinaria Le Cuisinier impérial d’André Viard – sono un contorno molto ricco e nutriente tipico della cucina francese e più precisamente, appunto, di Lione.

È un piatto dal sapore molto intenso, ideale per accompagnare seconde portate come per esempio stufati, arrosti, pesce, ma anche e solamente come piatto vegetariano.

La sua particolarità consiste nel doppio metodo di cottura della patata: le patate infatti vengono prima sbollentate per alcuni minuti e successivamente cotte in forno con le cipolle, la besciamella e il prezzemolo.

Le patate per essere apprezzate al meglio dovranno essere servite ben calde, dunque è consigliabile non prepararle troppo in anticipo.

Alcune varianti della patata alla lionese posso contenere:

     

  • Pancetta
  • Fontina

Conservazione:

Possono essere conservate in frigorifero per 2 giorni, in un contenitore ermetico o coperte con pellicola trasparente. E’ possibile congelare la preparazione dopo la cottura in forno.

Non vi resta che provarle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi ogni mese la nostra Newsletter:
scopri nuove ricette, curiosità e consigli in cucina.

La richiesta di iscrizione è avvenuta con successo! Collegati alla tua email per confermare.