Come usare in cucina i diversi tipi di cipolla: una veloce guida pratica - Il Blog di Selenella

Come usare in cucina i diversi tipi di cipolla: una veloce guida pratica

Attenzione, stiamo per svelarti un segreto che forse non conosci ancora: al mondo esistono più di 20 tipi diversi di cipolle. Ebbene sì, rimarrai sorpreso nello scoprire quante varietà di cipolle non vengono riconosciute – da molti di noi – come tali.

Ne esistono davvero di tantissimi tipi, alcuni più adatti alle zuppe, altri più dolci e zuccherini, altri ancora perfetti da gustare crudi. Esiste addirittura un tipo di cipolla che non ti farà mai piangere!

In ogni caso, i benefici della cipolla sono tanti e le cipolle sono un ingrediente estremamente versatile, nonché la base ideale di molte ricette. Per cucinare bene, una delle skill che dovrai imparare per prime è la differenza tra le diverse tipologie di cipolle e come esaltare le caratteristiche di ognuna nelle tue ricette.

Scopri nuove ricette a base di cipolla.

Ecco allora sei tipi di cipolle che per gusto e utilizzo in cucina si distinguono dalle altre.

Cipolla rossa

La prima buona amica di Selenella ha un gusto più delicato e leggermente più dolce rispetto alle altre cipolle. Dà il meglio di sé cruda: è quindi l’ingrediente perfetto per le insalate (soprattutto per quella greca), per la salsa guacamole, per panini e tartare. Ti sconsigliamo, invece, di utilizzarla nei soffritti e nelle preparazioni a lunga cottura.

Ottima anche in agrodolce o caramellata.

Cipolla bianca

Questa varietà di cipolla ha un sapore forte e pungente, che può essere facilmente addolcito con la cottura. Per questo motivo, la cipolla bianca viene consumata sia cruda che cotta: nel primo caso avrà un gusto penetrante e una consistenza molto croccante, nel secondo risulterà morbida e delicata.

Ottima anche sottaceto e perfetta con ogni marinatura.

Cipolla gialla

Senza ombra di dubbio, l’amica di Selenella più usata e versatile. La cipolla gialla si sposa con la carne ed è perfetta per i soffritti: insomma, come avrai intuito, è l’ingrediente immancabile per preparare un gustoso ragù.

Ottima al forno, così com’è o farcita.

Scopri le cipolle Selenella.

Cipolla gallese

Dall’aspetto simile al cipollotto, ma leggermente più grande, è perfetta per essere saltata in padella.

Un segreto? Non lasciarti confondere dal nome, la cipolla gallese è un ingrediente della cucina asiatica, che proviene dalla Cina.

Cipolla baby

Delicata, piccola e dolce, è ottima se conservata sottaceto o arrostita, ad esempio nei succhi della carne appena cotta. La sua caratteristica migliore? È la cipolla adatta ai cuochi più pigri poiché non serve neppure tagliarla: una volta pelata, si può usare intera.

Scalogno

Lo scalogno si differenzia dalla cipolla per il suo bulbo composito, oltre che per un gusto più tenue e delicato,anche se molto aromatico. Per questo motivo si presta benissimo per preparare vinaigrette, soffritti e piatti a base di patate e di uova.

Erba cipollina e porro

Una nota speciale meritano anche erba cipollina e porro, due ortaggi che appartengono alla stessa famiglia delle nostre cipolle, la famiglia delle Liliaceae.

La prima è un’erbetta saporita e profumata, capace di dare un tocco in più ad ogni ricetta, in particolare ti consigliamo di utilizzarla per arricchire zuppe e insalate.

Il porro è, invece, uno degli ingredienti più versatili in cucina: rende grandiose le zuppe e si può cuocere insieme alla carne negli stufati, ottenendo ottimi risultati.

Un consiglio che ti sorprenderà davvero? Prova ad aggiungerlo ad una salsa cremosa di tacchino e bacon, da usare per farcire i tuoi secondi di carne!

Sunions: la cipolla che non fa piangere

Un’ultima curiosità: sapevi che – a cinquecento anni dall’arrivo di mais, patate e pomodori – l’America ha portato fino a noi una varietà di cipolle gentili, le cipolle che non fanno versare nemmeno una lacrima.

Queste nuove cipolle tearless si chiamano Sunions e al momento sono coltivate nello Stato di Washington e nel Nevada. Un’ulteriore buona notizia per te è che le Sunions non sono cipolle geneticamente modificate, ma sono il risultato di anni e anni di incroci meticolosi e di scrupolose ricerche sul campo, con il fine di ottenere un tipo di cipolla che non sprigionasse sostanze irritanti se affettata o tritata.

Ecco allora che è nata la Sunions, contenente una minore quantità dell’enzima che provoca le lacrime, ovvero una molecola volatile con il fastidioso potere di irritare la nostra cornea.

Come evitare di lacrimare mentre tagliamo la cipolla?

Tuttavia, sappiamo che non è facile reperire la cipolla Sunions nei nostri supermercati e per questo motivo eccoti alcuni utili consigli anti-lacrima.

Prima di tutto, devi sapere che il gas lacrimogeno emesso dalla cipolla altro non è che un suo sistema difensivo per proteggersi dagli attacchi degli animali. Se aggredita, la cipolla emette un enzima chiamato Allinasi, in grado di avviare un procedimento chimico che dà vita a due composti lacrimogeni.

Per non lacrimare dobbiamo cercare di evitare il contatto di questo gas con i nostri occhi. I consigli principali, quindi, sono: l’utilizzo di un paio di occhiali da nuotatore (fa ridere, ma è estremamente efficace), oppure provare a tagliare la cipolla sotto l’acqua. Perché? Perché i gas emessi dal nostro ortaggio sono idrosolubili e si sciolgono non appena entrano in contatto con i liquidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi ogni mese la nostra Newsletter:
scopri nuove ricette, curiosità e consigli in cucina.

La richiesta di iscrizione è avvenuta con successo! Collegati alla tua email per confermare.