Patate Selenella Facebook
Caviale di cipolla: la ricetta per prepararlo in casa - Il Blog di Selenella

Caviale di cipolla: la ricetta per prepararlo in casa

Avete mai sentito parlare del caviale di cipolla? Si tratta di un finto caviale, completamente vegetale e molto più economico del vero caviale, che si può preparare in casa con un procedimento decisamente scenografico.

Cos’è il caviale

Il caviale è un alimento considerato una prelibatezza, ottenuto dalle uova di diverse specie di storione. Il caviale è quindi costituito da uova di pesce, prelevate direttamente dall’animale dopo la sua uccisione e successivamente lavate e salate. Si presenta sotto forma di grani, piccole sfere generalmente nere, dalla consistenza morbida e cremosa e dal gusto caratteristico e aspro. Generalmente il caviale in cucina si utilizza per guarnire tartine e altri piatti salati durante gli aperitivi e i brunch.

Il caviale è notoriamente costoso ma in commercio si trovano anche alimenti simili al caviale che possono essere arancioni o rossastri, di solito ottenuti da uova di salmone o di lompo. Rispetto al caviale ottenuto da uova di storione, le altre uova di pesce sono considerate meno pregiate e hanno un valore commerciale decisamente inferiore.

Noi vi proponiamo invece un’alternativa decisamente più economica del caviale e completamente vegetale: il “caviale” di cipolla, una ricetta davvero particolare adatta a chi ha scelto di seguire un’alimentazione priva di ingredienti di origine animale ma anche a chi ha voglia di sperimentare nuovi sapori in cucina.

Cos'è il caviale

Cos’è il caviale di cipolla

Il “caviale” di cipolla non ha ovviamente nulla a che vedere con il vero caviale. Si tratta infatti di un falso caviale, completamente vegetale, molto economico e semplice da preparare, che però ricorda nell’aspetto le vere uova di pesce.

Il “caviale” che vi proponiamo è formato da piccoli grani arancioni, quindi simile alle uova di salmone o altri pesci diversi dallo storione. La ricetta è davvero curiosa e può essere preparata anche con i bambini perché abbastanza “scenografica”.

Il finto caviale si ottiene grazie a una gelificazione che ricorda molto la sferificazione, un processo utilizzato nella cucina molecolare. Il processo di sferificazione avviene infatti grazie all’uso di alginato di sodio che viene aggiunto a un liquido, successivamente versato in una soluzione con acqua e lattato o cloruro di calcio. La reazione dà luogo alla formazione di sfere.

Nella gelificazione che consente di preparare il finto caviale in casa si fa ricorso a un gelificante naturale estratto dalle alghe, l’agar agar, una polvere inodore e insapore che si può acquistare nei negozi di alimentari.

Questa sostanza viene prima mescolata a un liquido da addensare, che viene poi successivamente riscaldato. Dopodiché il liquido viene versato a gocce in olio molto freddo: a questo punto avviene una reazione molto simile alla sferificazione, poiché il liquido solidifica quasi all’istante creando delle perle. Ecco il segreto per preparare il finto caviale di cipolla, ma anche altri “caviali” ottenuti in modo casalingo da diversi ingredienti come succhi di frutta o centrifugati di carote e altre verdure.

Una volta realizzato, il “caviale” di cipolla può essere gustato sulle tartine durante aperitivi e antipasti oppure usato per decorare i piatti e “ingannare” gli ospiti. Poiché si ricava dalle cipolle, chiaramente questa alternativa al caviale può essere consumato anche da chi segue una dieta vegetariana o ha scelto uno stile di vita vegan.

L’uso del succo di cipolla per i capelli

La ricetta del caviale di cipolla

Ora che abbiamo visto cos’è il vero caviale e come si prepara quello finto, veniamo alla ricetta del “caviale di cipolla”.

Ingredienti

  • una o due cipolle rosse
  • un cucchiaino di agar agar
  • 100 millilitri di aceto balsamico
  • 100 millilitri di acqua
  • 50 millilitri di vino rosso
  • un pizzico di sale sale
  • un bicchiere di olio vegetale

Procedimento

Per ottenere il finto caviale di cipolla occorre come prima cosa sistemare in congelatore un bicchiere di olio, così che si raffreddi durante la preparazione degli altri ingredienti: perché l’olio raggiunga la giusta temperatura sono sufficienti dai quaranta ai sessanta minuti circa.

L’ideale è versare l’olio in un bicchiere da bibita alto e stretto, forma che renderà più semplice l’ottenimento delle sfere di finto caviale. Per preparare il caviale di cipolla si può usare l’olio extravergine di oliva, di girasole o altri oli vegetali di grado alimentare.

Una volta sistemato l’olio in congelatore, si procede con la mondatura di una o due cipolle rosse, che andranno tagliate a fette molto sottili e sistemate in una ciotola capiente. A questo punto si aggiungono un pizzico di sale, un bicchiere acqua, un bicchiere di aceto balsamico e mezzo bicchiere di acqua, si mescola il tutto brevemente e si fa riposare per almeno un’ora a temperatura ambiente. Trascorso il tempo di macerazione delle cipolle si filtra il liquido con un colino, che sarà di un bel rosso intenso. Le cipolle utilizzate per la preparazione del finto caviale possono essere consumate se il sapore è di proprio gusto.

Il liquido colato dalle cipolle va invece trasferito in un pentolino sufficientemente capiente e successivamente occorre aggiungere un cucchiaino raso di agar agar in polvere, mescolando con cura per disperdere bene la polvere addensante. Dopodiché si accende il fuoco al minimo e si porta a bollore mescolando di continuo. Raggiunta l’ebollizione, si toglie il pentolino dal fuoco e si recupera l’olio dal frigorifero o dal congelatore.

È il momento di realizzare il finto caviale di cipolla: per farlo occorre prelevare il liquido con una pipetta contagocce o trasferirlo all’interno di una siringa senza ago. A prescindere dallo strumento usato, bisognerà versare il succo di cipolla goccia a goccia nel bicchiere di olio. Il liquido ottenuto dalla macerazione delle cipolle, a contatto con l’olio freddo creerà in poco tempo delle piccole sfere rosse che precipiteranno sul fondo del bicchiere.

Una volta ottenuto sufficiente “caviale”, si filtrano le sfere usando un colino, per allontanare l’olio (che può essere riutilizzato). Le sfere di caviale di cipolla sono pronte, ma prima di gustarle è necessario risciacquarle brevemente con acqua ghiacciata e lasciarle riposare per una decina di minuti.

Il finto caviale può essere usato per guarnire tartine, bruschette o altri piatti salati ed è ottimo per accompagnare formaggi freschi o stagionati, hummus di ceci e altre salse. Se il caviale di cipolla non viene consumato subito, può essere conservato per alcuni giorni in frigorifero trasferendolo in un vasetto di vetro e ben coperto con olio vegetale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Icona patata cuoca

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi ogni mese la nostra Newsletter:
scopri nuove ricette, curiosità e consigli in cucina.

La richiesta di iscrizione è avvenuta con successo! Collegati alla tua email per confermare.