Un tesoro d’inverno - Il Blog di Selenella

Un tesoro d’inverno

Nonostante le basse temperature e il clima più freddo, anche la stagione invernale fornisce alimenti di origine vegetale dall’elevato potere nutrizionale, come il radicchio rosso, le arance e il cavolo, il cui regolare consumo è in grado di prevenire numerose patologie.

Il radicchio rosso è un ortaggio caratterizzato dalla presenza di elevate quantità di acqua (94%) e da una bassissima densità calorica. Infatti 100g di radicchio rosso apportano solamente 12 kcal, che corrispondono in termini calorici a meno di 5g di pane. Allo stesso tempo il radicchio rosso è un alimento ad elevata densità nutrizionale grazie alla presenza di discrete quantità di varie molecole antiossidanti di natura fenolica come ad esempio l’acido cicorico e la cianidina-3-glucoside, che conferiscono il caratteristico colore rosso a questo ortaggio. Numerosi studi condotti hanno dimostrato come la regolare assunzione di questi composti bioattivi siano in grado di prevenire numerose malattie infiammatorie e vari tipi di cancro, rendendo questo ortaggio un alimento fondamentale per il mantenimento di un elevato stato di salute.

Le arance sono un frutto appartenente al genere Citrus e nell’immaginario collettivo sono legate alla loro capacità di prevenire molte malattie da raffreddamento grazie alla grande quantità di vitamina C che possiedono: 100 grammi di arance contengono fino a 50 mg di vitamina C pari a circa il 65% del fabbisogno medio nell’uomo. Per tali motivi le arance rappresentano una delle principali fonti alimentari di questa importante vitamina idrosolubile ad azione antiossidante e protettiva del sistema immunitario. Occorre però tenere in considerazione che nel frutto dell’arancia la vitamina C si trova principalmente nella pellicina bianca che riveste gli spicchi, e pertanto sarebbe preferibile mangiare questo frutto solo sbucciato dalla scorza anziché spremuto.

Il cavolo è una pianta appartenente alla famiglia delle Brassicacee famosa fin dall’antichità per le sue proprietà salutistiche ed antimicrobiche. Oltre a possedere discrete quantità di fibra (circa 3g/100 di alimento), le principali proprietà salutistiche del cavolo e delle Brassicacee sono riconducibili al suo contenuto di glucosinolati, che hanno la capacità di liberare due classi di sostanze che possiedono una forte attività antitumorale, agendo positivamente a livello dello stomaco, intestino, fegato e ghiandole mammarie.

Ma come abbinare questi alimenti con i nostri tesori della terra?
Esistono molte ricette o preparazioni alimentari: infatti, le patate sono una fonte naturale di vitamina C, ed insieme alle arance possono fornire discreti quantitativi per contrastare i freddi e le influenze invernali.
Il cavolo, così come il radicchio, grazie al loro contenuto di fibra, possono ridurre l’indice glicemico delle patate, quando presenti all’interno della stessa preparazione alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi ogni mese la nostra Newsletter:
scopri nuove ricette, curiosità e consigli in cucina.

La richiesta di iscrizione è avvenuta con successo! Collegati alla tua email per confermare.